Vacanze in famiglia

Summer Family VacationLe si aspetta per tutto l’anno. Si sogna il momento in cui, chiusa la porta di casa, sarà possibile lasciarsi alle spalle lavoro e problemi, dedicandosi al piacere di stare con la famiglia, in assoluto relax. Poi però qualcosa comincia ad andare storto. Sale il nervosismo tra moglie e marito, tra genitori e figli, tra fratelli. Prendere delle decisioni condivise si rivela difficile, nessuno riesce ad avere quello che davvero aveva sognato prima di partire. Così, giorno dopo giorno, le vacanze rischiano di trasformarsi in una ulteriore occasione di stress.

La verità è che solo durante il periodo di vacanza la famiglia è “costretta” a vivere insieme per così tanto tempo. Ventiquattro ore su ventiquattro durante le quali è inevitabile confrontarsi per prendere decisioni e fare programmi. I problemi di una vacanza ad “alta tensione” nascono nel corso dell’anno, a causa della scarsa comunicazione tra i membri della famiglia e del poco tempo libero per stare insieme e conoscersi davvero. Il papà è fuori casa dieci o dodici ore al giorno, la mamma è presa dal lavoro e da mille incombenze domestiche. I bambini, oltre alla scuola, hanno i corsi di chitarra, di nuoto, di inglese. I momenti per parlare e per confrontarsi sono ridotti a una o due ore alla sera, quando la stanchezza impedisce di giocare, chiacchierare, litigare se necessario. Spesso non si riesce a stare veramente insieme nemmeno nel week-end, momento tradizionalmente impiegato per la spesa, i compiti e per organizzarsi in vista della settimana che deve cominciare. Solo le vacanze “costringono” tutta la famiglia a vivere davvero insieme. Ma i suoi componenti non sono abituati a questa convivenza e faticano a trovare la misura giusta per armonizzare personalità, esigenze, desideri e aspettative. Così, quando si arriva nel luogo di vacanza, carichi di belle speranze, si rimane spesso delusi. Il papà non capisce come mai i figli non accettino con entusiasmo l’idea di visitare “l’ennesimo” bellissimo castello. I fratelli sono irrequieti, litigano tra di loro più del solito, non riescono a prendere le misure dei nuovi spazi da condividere. La mamma è nervosa e irritabile perché, si lamenta, disfare i bagagli e mettere ordine è un compito che tocca sempre a lei. Anche in vacanza. Piccoli scontri, certo, ma tali da seminare il nervosismo e da impedire di godersi davvero i giorni di relax con i propri cari.

Il segreto per far vivere bene a tutti il periodo di ferie sta nell’organizzarsi per tempo, alcuni giorni prima della partenza. Che cosa suggeriscono gli esperti? Di mettersi tutti attorno ad un tavolo e di parlare insieme delle vacanza. Provando a fare un piccolo programma delle cose da fare o da vedere, condividendo desideri e aspettative, assicurando ai figli divertimento e maggiore libertà, ma ribadendo nello stesso tempo l’importanza di rispettare le regole che mamma e papà stabiliranno.

Lascia un commento