Rétro style

retro

Nella maggior parte dei casi la mania del vintage è come l’influenza: torna ogni anno, prende tutti, e nel giro di qualche mese è passata. Ma stavolta credo che la tendenza imperverserà a lungo, forte di mille rivoli che la alimentano. Dalla musica al design, dal collezionismo al cinema. Alla moda: sulle passerelle dell’estate e su quelle del prossimo autunno sono finiti in rassegna praticamente gli ultimi 60 anni della storia mondiale del costume.

Dalle gonne a ruota del Dopoguerra reinterpretate per la p/e da Dolce & Gabbana, Michael Kors e DKNY, ai favolosi Sixties rivisitati per l’a/i da Fay, Tommy Hilfiger e Giambattista Valli. Dagli Anni 70 rilanciati da Gucci, Louis Vuitton e Saint Lauren durante la p/e, agli 80 tornati in auge nell’a/i con le collezioni di Chanel, Miu Miu e Moschino. E se alle ultime sfilate è ricomparso perfino il minimalismo imperante fra gli anni 90 ed il nuovo millennio – da Victoria Beckham a Stella McCartneyil mood di molte collezioni sarà, nei prossimi mesi, quell’aria scientemente fané, quell’allure discretamente rétro style, quel quid che non sapremmo come definire se non: sapresti distinguere cosa ho comprato l’altro ieri da Prada e cosa ho ereditato dal guardaroba della prozia? Di qui a che l’idea tracimasse nello street style è bastato un attimo: i vintage festival si moltiplicano a vista d’occhio, in ogni stagione e ad ogni latitudine. E in nome di questo meccanismo lisergico ci siamo fatti piacere tutto il “meglio” del cattivo gusto degli anni Ottanta (i fuseaux, la permanente, le spalline, gli scaldamuscoli alla Flash Dance), riabilitato i Settanta dando una parvenza di nobiltà shabby-chic ai jeans scampanati e alle camicette indiane, siamo arrivati persino a promuovere nella categoria dei “mai più senza” quei discutibili sandali dei tedeschi in vacanza…da quel momento in poi abbiamo capito che tutto sarebbe stato possibile, che avremmo ingoiato e digerito qualsiasi cosa: la salopette con le pump taccatissime, il vestito di raso con il chiodo di pelle, il calzino alla caviglia con il sandalo da sera.

E le digressioni a tema e le passioni rétro dilagano: si va dall’antiquariato con il Brocantage – La Fiera dell’Antico dal 16 al 18 settembre 2016 al Parco Esposizioni Novegro a Milano, ai megamix moda-arte-spettacolo di Vintage, la moda vive due volte! dal 21 al 23 ottobre 2016 presso il quartiere fieristico di Forlì, ai diversi raduni di macchine d’epoca in giro per l’Italia  – 500 Fiat le più amate – che regalano cartoline d’annata in ogni piazza e luogo che calchino. E mentre sotto sotto pure l’intimo registra un gran ritorno del burlesque, i wedding parties del momento  si ispirano ai ruggenti anni 30. Perché il risultato è fuori discussione: calarsi in un meraviglioso abito Anni 50, rispolverare gli stivali mezzo tacco della mamma, scovare in un mercatino una tunica hippie e aggiornarla in chiave moderna con accessori up-to-date, è un gioco stiloso, che fa un consapevole e divertente avanti e indietro nel tempo.

Lascia un commento