Esiste dell’etica nella tecnologia e nel web? I social network fanno male, dicono i detrattori. Sono piattaforme narcisistiche dove l’unico obiettivo è mettersi in mostra. Dove ognuno cerca i suoi dieci secondi di attenzione e/o visibilità. Vero? Indubbiamente, ma solo in certi casi. Quando per esempio il loro uso diventa una sorta di ossessivo palcoscenico di se stessi e della propria vita.

Esiste in effetti una netiquette, il galateo del web, a cui bisognerebbe prestare attenzione. Regole semplici. Che vanno dal non essere troppo invadenti al non taggare amici senza avvisarli, allo scrivere due righe di presentazione quando si vuole stringere amicizia. Insomma, anche qui, dipende dal modo in cui si usa il mezzo. Ma restano anche indubbi aspetti positivi. Di cui forse i detrattori dei social non vogliono rendersi conto…

Social media network abstract speech bubblesScambiare chiacchiere e opinioni è un enorme rimedio contro la solitudine, che è uno dei grandi mali del nostro vivere. Certo, sarebbe meglio incontrarsi davanti a una tazza di tè o per un aperitivo. D’altra parte, manca il tempo. E allora, meglio due parole su Twitter o Facebook. È un modo di tenersi in contatto, di non perdersi di vista, di sentirsi rassicurati in un mondo dove tutto è fluttuante. E non c’è nulla che ci metta paura più dell’incertezza. Ci sentiamo rassicurati perfino dalla banalità degli auguri di compleanno: quando li riceviamo sulla nostra pagina da tutti gli amici e conoscenti, ci si allarga il cuore. Sarà solo un clic, però fa piacere vero?

Molto chic caldeggiare un ritorno alla carta da lettere e alla penna stilografica…peccato che una corrispondenza tradizionale, d’amore, d’amicizia o tra parenti, richieda tempi ormai biblici. Una foto, un messaggio e sai che l’altro c’è. E tu ci sei per lui. Ora, in questo preciso istante. Se ci si riflette è qualcosa che sa ancora di magia. Non solo. Anche se si tratta di un mondo virtuale, gli affetti, almeno alcuni, sono reali e ognuno di noi lo sa bene.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *