Fenomeno Toms

Tormentone modaiolo di quest’estate 2013? Le scarpe agli antipodi della femminilità, una sfida estetica in nome del comfort (sono praticamente pantofole) come manifesto dell’autostima: della serie, per sentirsi carine non bisogna per forza issarsi come fenicotteri equilibristi su tacchi da 12 centimetri…

Sarà per questo che continua a dilagare, non solo tra le celebrities (da Scarlett Johansson a Liv Tyler, da Keira Knightley a Sarah Jessica Parker) la Toms mania: la passione per le espadrillas vegane, lanciate nel 2006 da Blake Mycoskie dopo un viaggio in Argentina. Colpito dall’estrema povertà dei bambini, decice di produrre un modello ispirato all’alpargata (la locale scarpa di tela e suola di corda) con la formula one-for-one: per un paio acquistato, uno donato ai piccoli delle villas miserias.

Così il fenomeno – vuoi per il risvolto solidale, vuoi per il look antigrazioso – esplode: Toms nel primo anno vende 10mila paia con una crescita ad oggi stimata 100milioni di dollari!
Si sta praticamente bissando il successo delle Crocs, che comunque resistono sul mercato aprendo anche il primo monomarca italiano nella capitale.


In linea con il trend la riedizione dei sandali romani di gomma, in uso tra i bambini per proteggersi dai ciottoli, declinati da JuJu in un ricco ventaglio di tinte sorbetto e ingentiliti da un accenno di tacco. Inossidabile ai capricci della moda un’altra icona del genere molto casual e poco civettuola: le flip-flop. Licenza da spiaggia, magari in contrasto con bikini sensuali.

Comodi dettagli di “art brut” da indossare.

Lascia un commento